Rivista Italiana di Ragioneria e di Economia Aziendale

Versione stampabile

Cenni Storici

La nostra Rivista fondata nel 1901, per un lungo periodo di tempo, a ben titolo, è stata l'organo ufficiale della comunità degli studiosi della disciplina ragionieristica e degli operatori in campo contabile ed ha rapresentato per decenni l'unica ed indiscussa palestra in cui si formavano i principi della moderna con-tabilità e si riaffermavano le tecniche di una professione che ringiovaniva gli ambiti operativi e riconfermava le proprie procedure di analisi amministrativa.

Con il passare del tempo la Rivista ha allargato i propri Orizzonti culturali, vivendo in trasparenza il formarsi e l'irrobustirsi di una nuova disciplina di studio, l'economia aziendale, rinverdendo così antichi splendori e trovando nel divenire della ragioneria e dei suoi ambiti di studio il focus esclusivo della propria esistenza su di uno scenario culturale sempre più affollato di nuovi attori.
Essa, pertanto, costituisce sicura ed affidabile "guida" sul percorso dell'evoluzione della professione e della disciplina contabile: proprio seguendo i percorsi adottati da tale "guida" possiamo individuare e riconoscere le direzioni assunte dagli studi in campo aziendale e con essi percepire i cambiamenti di scenario e dei caratteri strutturali ed operativi degli organismi socio-economici via via definiti; insomma, la lettura delle pagine di ogni annata consente di vivere in trasparenza tempi storici e con essi tempi scientifici ed economici, in un susseguirsi di quadri e di azioni che rammentano la storia sociale ed economica del nostro Paese. Del resto, qualunque riflessione che trovi concretezza espressiva in un articolo di rivista evoca sempre immagini dell'ambiente in cui viene pensato, ma soprattutto rende evidenti, al lettore attento, le sensazioni più recondite dell'autore, insieme ai valori culturali, ai principi di comportamento ed alle tecniche d'uso di strumenti i più variegati, condivisi dai membri della comunità di cui egli è parte: è il pizzicare le corde di uno strumento musicale per cantare melodie solitarie o complementari al suono orchestrale.

La nostra Rivista ha nel conto, nelle sue configurazioni, nel suo trattamento, nell'interpretazione dei suoi valori di sintesi il lievito capace di fermentare la massa delle conoscenze in campo aziendale ed è attraverso lo scavo culturale ed antropologico che siamo in grado di effettuare proprio sulle grandezze di conto che esprimono costi, ricavi, entrate, uscite, nonché risultati economici e finanziari di breve andare possiamo ricostruire ed interpretare momenti e storia del passato più o meno recente, non tanto per una sterile memoria del tempo perduto quanto per attivare processi cognitivi che consentano di comprendere il presente e risalire al futuro. In effetti, il dato contabile è espressione simbolica della complessa realtà interiore dell'organismo aziendale che lo ha prodotto e della sua proiezione verso l'ambiente circostante; in esso si sintetizzano eventi gesticolai oramai trascorsi che hanno segnato in modo indelebile non solo la struttura patrimoniale dell'azienda considerata, ma il bagaglio delle conoscenze possedute dagli individui della comunità aziendale medesima.

Così, è possibile apprezzare la contemporanea e parallela evoluzione del contenuto scientifico della ragioneria e quello della nostra rivista con i cambiamenti dello scenario socio-economico del nostro Paese e ciò è reso evidente perfino dalle mo difiche nel titolo della Rivista medesima; quel cambiamento, in effetti, è testimonianza puntuale della sensibilità all'evoluzione del contenuto di una disciplina che stava ridisegnando i propri confini, recuperando spazi di conoscenza e tematiche sopite. Del resto, la Rivista è sempre stata testimone del mondo degli affari e l'evoluzione del suo contenuto riflette puntualmente quello dell'ambiente socio-economico che intendeva rappresentare ed interpretare. Sono questi i motivi che giustificano il cambiamento nel titolo:

  • da Rivista di Ragioneria (dal 1901 al 1907)
  • a Rivista Italiana di Ragioneria (dal 1908 al 1915 )
  • all'attuale Rivista Italiana di Ragioneria e di Economia Aziendale (dal 1972)

che ci sembra individuino fedelmente tre successivi periodi del focus della Rivista, dell'evoluzione degli studi ragionieristici e dell'ambiente socio-economico di diffusione.

* "G. Catturi, Presentazione, estratto da "I Maestri, le teorie nella Rivista Italiana di Ragioneria e di Economia Aziendale 1091-2000. A cento anni dalla fondazione, Carlo Antinori ne rilegge e commenta i contenuti."